Difesa del suolo. Cassa del Panaro (Mo), ultimata la prima fase di collaudo funzionale. Per una settimana, trattenuti nell’invaso 3 milioni 400 mila metri cubi d’acqua. Da stamattina al via le operazioni di sversamento

L’assessore Priolo: “Soddisfazione per lo svolgimento positivo delle operazioni: grazie a tutti coloro che hanno collaborato. Ora restiamo in attesa della relazione tecnica della Commissione di collaudo”

Bologna – Con la notte appena trascorsa, si è conclusa la prima fase del collaudo funzionale della Cassa di espansione del Panaro, nel modenese.

Le attività, avviate mercoledì 28 aprile, hanno permesso di raggiungere il livello di 6 metri e mezzo d’acqua incamerata nell’invaso grazie all’afflusso naturale del fiume. In totale, si tratta di 3 milioni 400 mila metri cubi: una capacità conseguita venerdì scorso, 30 aprile, in seguito a due giorni di invaso. 

“Si tratta del livello massimo previsto per la prima prova sperimentale- spiega l’assessore regionale a Difesa del suolo e Protezione civile, Irene Priolo- a cui faranno seguito altre due via via sempre più impegnative per quantità d’acqua trattenuta, fino all’ultima da oltre 23 milioni di metri cubi. Nella settimana che ci lasciamo alle spalle i tecnici di Aipo hanno svolto le attività di ispezione, il monitoraggio piezometrico e le misurazioni di controllo inerenti il manufatto principale”. 

Tra mercoledì e giovedì si è inoltre tenuto il sopralluogo della Commissione di collaudo, formata dall'ingegner Giuseppe Marmo della Direzione nazionale dighe, dalla professoressa Lisa Borgatti dell'Università di Bologna e dal professor Stefano Orlandini dell'Università di Modena e Reggio Emilia che hanno verificato il corretto svolgimento delle prove.

A seguito dei dati raccolti, la Commissione elaborerà una relazione tecnica che sarà fondamentale anche per stabilire i parametri della seconda fase delle prove di invaso.

Dalla mattina di oggi, quindi, sono iniziate le operazioni di svuotamento della Cassa. Come previsto, l’acqua è fatta defluire lentamente, circa 5 centimetri all'ora, fino al ritorno alle condizioni di normalità.

“Esprimo soddisfazione per il positivo andamento dello step d’avvio del collaudo che si è concluso senza intoppi- conclude Priolo-. A tutti gli operatori impegnati sul campo va un ringraziamento per il prezioso lavoro svolto, reso possibile dal gioco di squadra tra AIPo, Agenzia regionale di protezione civile ed enti locali”. /red

Foto del collaudo, in allegato

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/05/07 15:08:00 GMT+2 ultima modifica 2021-05-14T09:00:53+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina