Sostenibilità. Occhi puntati sullo spreco alimentare, un’emergenza mondiale. Le Linee guida della Regione per la lotta al dispendio di cibo, tutela dell’ambiente, recupero e ridistribuzione delle eccedenze

Nel documento approvato dalla Giunta le indicazioni operative per organizzazioni benefiche, operatori del settore alimentare e Aziende sanitarie
26/05/2022 16:57

Bologna - Ridurre lo spreco per alimentare il futuro, per una società e un territorio solidale e sostenibile. Sfruttando al meglio le sinergie tra tutti gli attori coinvolti, con la definizione di indicazioni chiare sul modo in cui il cibo viene prodotto, distribuito e consumato.

A questo obiettivo guardano le ‘Linee guida per il recupero, la distribuzione e l'utilizzo di prodotti alimentari per fini di solidarietà sociale’, approvate in questi giorni dalla Giunta regionale e rivolte alle imprese del settore alimentare, organizzazioni benefiche, operatori dei servizi Igiene Alimenti e Nutrizione e servizi Veterinari delle Aziende sanitare territoriali.

Il documento ha come obiettivo specifico quello di supportare i soggetti coinvolti nello svolgimento dell’attività di recupero e ridistribuzione delle eccedenze alimentari, attraverso la definizione di regole omogenee e chiare. Perché proprio sulla base di queste Linee guida alle quali dovranno attenersi, donatori (imprese e operatori del settore alimentare) e riceventi (organizzazioni di recupero e ridistribuzione) di cibo sottratto allo spreco potranno svolgere le proprie attività nel rispetto dei requisiti di sicurezza igienico-sanitaria e dell’ambiente.

Lo spreco di cibo nel mondo

Secondo gli ultimi dati disponibili resi noti dall’ Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao) per il 2015, nel mondo annualmente vengono sprecate in media 1,3 miliardi di tonnellate di cibo ancora perfettamente commestibile; allo stesso tempo nell’Unione europea vengono prodotti circa 88 milioni di tonnellate di rifiuti alimentari, i cui relativi costi stimati corrispondono a 143 miliardi di euro. Questi rifiuti, oltre ad avere un rilevante impatto economico e sociale, esercitano una indebita pressione sull’ambiente. Sempre secondo la Fao, circa un terzo del cibo prodotto a livello mondiale viene perso prima di raggiungere il mercato o viene sprecato. I rifiuti alimentari generano ogni anno circa l’8% delle emissioni globali di gas a effetto serra. In Italia vengono gettati nei rifiuti da 70 a 96 kg/pro capite di cibo commestibile.

Tiziana Gardini

In allegato, scheda di approfondimento su:

  • le Linee guida in sintesi
  • l’impegno della Regione per contrastare lo spreco alimentare
  • l’esperienza degli ‘Empori solidali’

 

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/05/26 16:57:00 GMT+2 ultima modifica 2022-05-26T17:08:09+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina