Difesa del suolo. Ad Argenta (Fe) concluso un intervento di manutenzione da 300mila euro per ripristinare la sicurezza degli argini sul fiume Reno. Priolo: “Risorse per la prevenzione dei rischi. La cura del territorio centrale per ridurre le criticità idraulica”

Tra le frazioni di San Biagio d’Argenta e Santa Maria Codifiume, realizzati lavori urgenti per rimuovere l’eccesso di vegetazione e le tane di animali selvatici presenti sulle arginature

Bologna – Un intervento di manutenzione da 300mila euro per gestire la vegetazione lungo il corso d’acqua, contrastare il pericolo di tane scavate dagli animali selvatici e accrescere la sicurezza degli argini del fiume Reno, nel ferrarese.

I lavori hanno interessato l’area tra le frazioni di San Biagio d’Argenta e Santa Maria Codifiume, nel comune di Argenta, dove si erano riscontrate criticità idrauliche che attendevano una soluzione.

In vari punti delle difese spondali, la proliferazione incontrollata di piante e arbusti aveva infatti favorito nel tempo l’insediamento di nutrie, istrici e tassi: tutti animali che scavano cunicoli e tane, anche di grandi dimensioni, capaci di minare la tenuta degli argini durante gli eventi di piena. Sono in tutto un’ottantina le tane individuate e quindi chiuse.

Le opere, durate oltre un anno, hanno permesso di ripristinare tutte le arginature lungo il Reno tra Cento ed Argenta, alcune delle quali si trovano a ridosso di zone naturali parte della Rete Natura 2000 e quindi ricche di biodiversità.

 

“È giunto al termine un intervento capillare di manutenzione che ha visto la Regione investire risorse importanti per assicurare le condizioni di massima sicurezza idraulica a favore dei cittadini che vivono e lavorano lungo il Reno, nel territorio di Argenta- spiega l’assessore regionale alla Difesa del suolo e Protezione civile, Irene Priolo-. La strategia dell’Emilia-Romagna punta prima di tutto alla prevenzione dei rischi e opere come quelle concluse ne sono la dimostrazione: la cura del territorio, che si esprime appunto nelle attività di manutenzione, è centrale proprio nell’ottica di prevenire e ridurre le criticità idrauliche”.

 

Cosa è stato fatto

I lavori sono partiti dopo un attento studio della vegetazione per definire le modalità del taglio selettivo, a raso, della vegetazione ripariale. Le operazioni si sono svolte previa autorizzazione del Servizio regionale aree protette foreste e sviluppo della montagna e dell’Ente Parco Delta del Po. Hanno riguardato entrambe le sponde arginali, con particolare attenzione alla vegetazione cespugliosa.

A manutenzione conclusa, a seguito dell’ispezione e dei rilievi sull’area interessata da parte dei tecnici dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, sono state tombate un’ottantina di tane e ripristinate le arginature deteriorate.

 

Tutte le informazioni sui lavori in corso in Emilia-Romagna per la sicurezza del territorio sul sito: https://www.regione.emilia-romagna.it/territoriosicuro. /red

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/06/28 10:55:00 GMT+2 ultima modifica 2021-07-20T09:53:21+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina