Razzismo. Scritte omofobe e svastiche sui muri delle scuole di Ferrara, Bonaccini: “Atto gravissimo, preoccupante assenza di civiltà e umanità. Si arrivi subito agli autori”

La condanna del presidente della Regione per il grave gesto compiuto alla vigila del Giorno della Memoria: “Solidarietà all’intera comunità ferrarese, città che si è sempre distinta per i valori di democrazia e antifascismo”

Bologna – “E’ inaccettabile, oltre che difficile da credere, che nel 2021 ci sia chi ancora dimostra una tale ignoranza della storia e una così preoccupante assenza di civiltà e umanità. E rattrista ancora di più, che un gesto simile arrivi proprio alla vigilia del Giorno della Memoria, un appuntamento fondamentale a ricordo e monito delle vittime della Shoah e dell’orrore della barbarie nazi-fascista”. 

Così il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, condanna le scritte razziste e omofobe e i disegni di svastiche apparse la scorsa notte sui muri di alcune scuole e palestre a Ferrara. 

“Mi auguro che si arrivi subito a far luce sugli autori di queste gesta assurde- prosegue il presidente-. La mia solidarietà, a nome dell’intera Giunta regionale, va alla comunità di Ferrara, all’amministrazione comunale e a tutte le cittadine e i cittadini, che non meritano lo sfregio inferto a una città che si è sempre distinta per i valori di democrazia e antifascismo”. /ER

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/01/26 16:54:00 GMT+2 ultima modifica 2021-05-14T09:07:05+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina