Difesa del suolo. Rio Riccò, completati i lavori per la sicurezza del corso d’acqua nel comune di Fornovo di Taro (Pr)

L’intervento realizzato dall’Ufficio di Parma dell’Agenzia regionale di sicurezza territoriale e Protezione civile. È l’ultimo di una serie di opere, finanziate dalla Regione con 400mila euro, per l’efficienza idraulica degli affluenti dei torrenti Taro e Ceno nel medio bacino nel territorio parmense
01/06/2022 14:06

Bologna - Sono terminati i lavori nel rio Riccò, in comune di Fornovo di Taro (Pr), l’ultimo di una serie di interventi messi in campo dall’Agenzia regionale di sicurezza territoriale e Protezione civile sugli affluenti dei torrenti Taro e Ceno nel medio bacino nel territorio parmense.

Quest’intervento da 400mila euro va a inserirsi in un quadro più ampio per il ripristino dell’efficienza idraulica degli alvei dei corsi d’acqua che, oltre al rio Riccò, ha interessato soprattutto il torrente Grontone, nei comuni di Terenzo e Berceto, e il torrente Stirone, nei comuni di Bore e Pellegrino parmense

Nello specifico, sono stati eseguiti lavori di risezionamento e movimentazione di materiale pietroso nell’alveo, nuove opere idrauliche, difese spondali e il taglio selettivo della vegetazione rovinata per proteggere le strutture e infrastrutture già presenti sul reticolo idrografico.

I lavori sono stati finanziati dalla Regione con i fondi del Piano degli interventi urgenti 2020, finalizzato a risolvere le criticità aperte in seguito ai numerosi episodi di maltempo degli ultimi anni.

Gli interventi

Nel rio Riccò sono state eseguite le opere necessarie per consentire lo smaltimento in sicurezza delle acque di piena del rio attraverso l’abitato di Riccò. Un intervento, questo, che costituisce il primo stralcio di un progetto complessivo di messa in sicurezza del paese.
In corrispondenza dell’ingresso del corso d’acqua nel nucleo abitato, è stato ampliato l’alveo per uno svaso complessivo di circa 5mila metri cubi ed è stata costruita un’opera di difesa della nuova sponda sinistra in massi ciclopici, lunga circa 80 metri.

Il vecchio ponte a raso, inadeguato al passaggio di veicoli di emergenza e mezzi agricoli eccezionali, è stato sostituito da un ponte stradale di prima categoria, con travi in cemento armato precompresso, dotato di altezza e luce adeguati. Inoltre, un nuovo tratto di viabilità comunale ha sostituito quello demolito per permettere l’ampliamento della sezione idraulica del corso d’acqua.

Gli altri lavori nel bacino, conclusi nei mesi scorsi, hanno visto il ripristino della sezione idraulica del torrente Grontone in corrispondenza della confluenza con il fiume Taro.
Anche nel torrente Stirone sono stati realizzati tutti gli interventi mirati al ripristino della sezione idraulica nel tratto che attraversa l’abitato di Pellegrino parmense e in località limitrofe, oltre al completamento di opere di drenaggio in località Pozzolo, nel comune di Bore.

Tutte le informazioni sui lavori in corso in Emilia-Romagna per la sicurezza del territorio sul sito https://www.regione.emilia-romagna.it/territoriosicuro

Red

In allegato, foto degli interventi

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/06/01 14:06:00 GMT+2 ultima modifica 2022-06-01T14:07:25+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina